Differenze tra le versioni di "Mercury Power Make Up"

Da Sailor Moon World wiki.
m (una revisione importata)
m (Ha protetto "Mercury Power Make Up" ([Modifica=Consentito solo agli amministratori] (infinito) [Spostamento=Consentito solo agli amministratori] (infinito)))
(Nessuna differenza)

Versione delle 11:53, 26 apr 2014

Informazioni
Mercury Power posa.jpg
Nome originale: Mercury Power, Make Up!
Nome originale (kanji/kana): マーキュリー・パワー・メイク・アップ
Nome originale (romaji): Maakyurii Pawaa, Meiku Appu!
Traduzione letterale italiana: Potere di Mercurio, trasformami!
Nome italiano: Potere di Mercurio, vieni a me!
Utilizzata da: Ami Mizuno
Oggetti necessari: Pen Di Trasformazione (anime e manga), Jewelry Star Bracelet (live)
Prima apparizione anime: Episodio 8
Prima apparizione manga: Act 2
Prima apparizione live: Act 2

Introduzione

Il comando "Mercury Power, Make Up!" viene utilizzato da Ami Mizuno e le permette di trasformarsi in Sailor Mercury. La frase, una volta pronunciata, attiva il potere della Pen Di Trasformazione, nell'anime e nel manga, o del Jewelry Star Bracelet, nel live action. Tali oggetti, una volta operativi, permettono la metamorfosi. Ami utilizzerà questa formula durante le vicende della prime due stagioni (solo i primi episodi della seconda) dell'anime, nella prima saga del manga e per tutta la durata del live action.

Anime

Ami impugna (con la mano destra) la Pen Di Trasformazione e la alza verso il cielo, gridando la formula. Successivamente, si originano scintille dorate che percorrono la parte superiore dell'anello posto in cima all'oggetto. Una volta che le faville hanno terminato il loro giro, svanendo, il cerchio (posto al centro dell'anello) contenente il simbolo di Mercurio diventa azzurro, mentre l'emblema planetario comincia a brillare e a girare su se stesso. Dopo qualche secondo, il simbolo si stacca dalla penna, continuando a turbinare nell'aria fino a sparire dalla visuale.

Ami attiva il potere della Pen Di Trasformazione pronunciando la formula

Quasi nello stesso istante, l'energia della trasformazione modifica il colore della pelle di Ami, che diventa di una scintillante sfumatura azzurra, verde acqua e rosa chiaro. Tale energia fa svanire i vestiti della ragazza, nascondendone però l'anatomia più intima. A quel punto, la parte superiore della Pen Di Trasformazione genera una piccola sfera di energia e ne viene inglobata. Tale sfera comincia poi ad emettere degli scintillanti nastri d'acqua. Ami, compiendo una rapida evoluzione su se stessa, permette ai nastri di avvolgerla e intrecciarsi attorno alle zone dove gli elementi della divisa Sailor (body, protezione del petto e della schiena, spalline, guanti e stivali) appariranno. Una volta che il tessuto d'acqua si è avviluppato, la ragazza pone la penna sopra si sé. A quel punto, la sfera (che prima inglobava la parte superiore dell'oggetto), aumenta di dimensioni e va a fagocitare il corpo di Ami (incorporando la zona dove apparirà il body).

I nastri d'acqua avvolgono il corpo della ragazza

In quell'istante, la figura di Ami si tramuta in una sagoma bianca che brilla di luce azzurra. Successivamente, tale sagoma viene deformata da un'increspatura d'acqua, che genera svariati cerchi, suggerendo la totale connessione della ragazza con l'elemento. Una volta che la figura della giovane donna torna ad essere definita, si intravede che il corpo della stessa non è più nudo, ma vestito dagli elementi della divisa Sailor.

L'increspatura d'acqua deforma la sagoma del corpo di Ami

Subito dopo, un'esplosione di energia riporta la figura della ragazza alle condizioni normali, mostrandola completamente trasformata in Sailor Mercury. La Pen Di Trasformazione, avendo terminato il suo compito, si è nel frattempo dissolta. La guerriera si mette poi in posa, stagliandosi su uno scintillante sfondo verde e blu.

Media

  • Video: La sequenza completa.

Manga

La versione manga è molto più semplice e sbrigativa, non viene inoltre mai mostrata nella sua interezza. Tuttavia, l'autrice Naoko Takeuchi ha descritto minuziosamente la trasformazione di Ami all'interno di uno degli artbook. La ragazza prende la Pen Di Trasformazione dalla tasca sul petto e la lancia in aria. L'oggetto gira su se stesso e il cerchio (posto sulla punta) gira a sua volta, illuminandosi e rilasciando delle stelle. A quel punto Ami grida con tutta se stessa "Mercury Power Make Up", nascondendosi il volto con le mani.

Un esempio della trasformazione nel manga (prima edizione)

In quell'istante, le unghie delle mani brillano di azzurro. Poi, per un attimo, tutto risplende di bianco e la ragazza riappare poi completamente trasformata in Sailor Mercury. La guerriera afferra poi la penna, che cade dal cielo turbinando.

Live action

La prima parte della sequenza di trasformazione presente nel live action prende spunto da quella del manga. All'inizio della sequenza, Ami grida "Mercury Power" compiendo dei movimenti con le braccia e passando la mano destra davanti al Jewelry Star Bracelet (indossato sul polso sinistro). La posizione delle braccia forma quindi una sorta di angolo retto. In quel momento viene mostrato il braccialetto (che ormai ha cambiato forma e colori, aumentando anche di dimensioni) che comincia ad illuminarsi e ad accumulare energia, irradiando luci bianche e azzurre. Subito dopo, la ragazza (che appare già vestita del body) passa la mano destra di fronte al Jewelry Star Bracelet e, successivamente, incrocia le braccia davanti a sé. Quest'ultima azione fa scintillare le unghie, applicando smalto azzurro su di esse.

La trasformazione applica una manicure azzurra alla giovane

Subito dopo, Ami, compie un veloce movimento con il braccio destro, passandolo davanti alla testa e gridando "Make Up". Tale azione modifica il colore dei capelli (che diventano azzurri), così come la loro acconciatura e lunghezza. Oltre a modificare tale caratteristica fisica, l'operazione fa apparire gli orecchini. Tali orecchini (una volta che il braccio avrà terminato il movimento) risplenderanno di energia all'unisono con il corpo della giovane.

Gli orecchini irradiano energia assieme al corpo della ragazza

La ragazza comincia quindi a girare su se stessa, circondata da acqua (sottoforma di spirali e particelle) ed energia di varie forme, quest'ultima in parte originata dal cerchio magico che ruota sotto il corpo della giovane. Durante questa fase, il corpo di Ami emana luce. La ragazza alza poi le braccia (creando delle bolle), questo movimento fa apparire i guanti. Successivamente Ami passa le mano destra davanti alla gamba destra e la mano sinistra davanti alle gamba sinistra (sempre creando delle bolle), facendo così apparire gli stivali. Subito dopo, la giovane donna muove il braccio sinistro lungo una traiettoria circolare, creando una corrente d'acqua attorno a sé. Tale procedimento fa apparire diversi elementi della divisa Sailor, quali la gonna, il fiocco posteriore, il fiocco sul petto e la gemma dello stesso (che si genera in un fulgore azzurro), la protezione (del petto e della schiena), il collare e il girocollo.

Ami mentre genera la corrente d'acqua attorno a sé. Tale procedimento crea vari elementi della divisa Sailor

L'ultima sequenza vede Ami, ormai quasi completamente trasformata in Sailor Mercury, passare sulla fronte l'indice e il medio della mano destra, in questo modo appare risplendendo, la tiara.

La ragazza crea la tiara

La guerriera di Mercurio si mette poi in posa, stagliandosi su uno scintillante sfondo scuro, animato da un gigantesco spruzzo d'acqua.

La posa finale

Media

  • Video: La sequenza completa.

Trivia

  • L'autrice ha specificato che nel manga gli occhi di Sailor Mercury sono azzurro chiaro, mentre quelli della sua controparte civile sono azzurro intenso. Questa caratteristica fisica viene quindi modificata dalla trasformazione;
  • questo comando, all'interno della prima saga del manga, può essere utilizzato per rilasciare tutto il transformation power del pianeta protettore della combattente. Tale abilità rappresenta il potere sacro più grande delle quattro Guardian Senshi e, il suo utilizzo, porta al sacrificio delle Pen Di Trasformazione e della combattenti stesse.

Fonti e referenze

Siti che hanno contribuito alla creazione della pagina: